Blog a cura della Dr.ssa ANNA GULLA' & Collaboratori

giovedì 3 febbraio 2011

La depressione è scritta nei geni?

Vincent van Gogh e Richard Nixon, Alain Delon e Nicole Kidman, dalla pittura alla politica passando per lo spettacolo, la depressione è come un filo rosso che lega milioni di persone. Una nuova ricerca rivela ora che in realtà la causa del male di vivere può essere nascosta tra le "pieghe" del Dna e che nell'insorgere della malattia, accanto agli eventi traumatici "esterni", tutto dipende da un gene, chiamato 5-HTT. Gli scienziati dell'University of Michigan (Usa) riaprono dunque una questione dibattuta da decenni, affermando, dopo aver comparato 54 studi sull'argomento, il collegamento tra Dna e depressione.
Lo studio appena pubblicato su Archives of General Psychiatry contraddice un precedente lavoro del 2009 che aveva messo in dubbio le basi genetiche del male di vivere, riaprendo così il dibattito su una delle tematiche più importanti affrontate dalla medicina del ventunesimo secolo. Un team di esperti in genetica, statistica ed epidemiologia aveva pubblicato sul Journal of the american medical association (Jama) i risultati di un'analisi di 14 rilevanti pubblicazioni che valutavano l'interazione tra Dna, eventi stressanti e sviluppo della depressione.
"Dalla nostra analisi - scrivevano i ricercatori nel 2009 - non emerge una correlazione significativa del genotipo del gene in questione con la depressione, né con la suscettibilità agli eventi stressanti della vita".

A sua volta, la ricerca di Jama aveva contestato uno studio del 2003 che aveva preso in esame la storia clinica di 847 persone e la sequenza di un gene che controlla il trasporto del neurotrasmettitore serotonina, ovvero la "molecola del buonumore". Il risultato era stato che c'era un rischio maggiore di sviluppare uno stato depressivo tra chi aveva una versione più corta del gene. Questo rendeva più vulnerabili le persone agli eventi stressanti della vita, dal divorzio a un lutto, dalla menopausa a una malattia prolungata.
Oggi Today Srijan Sen e i suoi colleghi psichiatri della University of Michigan Medical School presentano una nuova e più estesa metanalisi. Lo studio infatti analizza 54 ricerche, tutte portate avanti fra il 2001 e il 2009, raccolte su PubMed, per un totale di circa 41mila pazienti presi in esame. Stando ai risultati, appare evidente il legame tra il gene 5-HTTLPR, lo stress e la depressione.
In altre parole, una particolare variante di un gene indebolisce i circuiti cerebrali che elaborano le emozioni negative, ne altera il funzionamento e scatena il rischio di sviluppare la depressione, soprattutto in presenza di eventi stressanti. Questa ricerca potrebbe portare alla ricostruzione della carta d'identità genetica della depressione, aprendo così la strada al controllo di questa malattia che, secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, entro il 2020 potrebbe essere la seconda patologia più diffusa nel mondo dopo i disturbi cardiovascolari.
Secondo Sen, non ci sono dubbi: "Avendo incluso tutti gli studi più pertinenti sull'argomento, possiamo confermare che il corredo genetico di un individuo fa la differenza nel modo in cui lui o lei risponde allo stress". Una notizia accolta con entusiasmo anche dagli autori della ricerca del 2003: "L'accurato e sistematico approccio utilizzato dai colleghi dell'ateneo del Michigan - ha commentato uno di loro, Terrie Moffitt della Duke University - dimostra perché, al contrario, l'indagine pubblicata su 'Jama' fosse limitata".

Fonte: http://www.repubblica.it 

4 commenti:

Alessandra ha detto...

Quesito interessante. Tu che ne pensi?

Anna G. ha detto...

Secondo lo studio riportato in questo articolo il corredo genetico di un individuo fa la differenza nel modo in cui risponde allo stress, ma credo sarebbe stato più opportuno uno studio longitudinale sul gene prima di arrivare a qualunque c...onclusione. Personalmente sono dell'idea che anche ammesso che la depressione sia scritta nei geni, a fare la differenza, o anche solo a bilanciare questa predisposizione genotipica, sia l'ambiente che circonda l'individuo.
Tu che ne pensi?

Giacomo ha detto...

E' una cosa parecchio interessante.
Cosa molto positiva se si spera in una possibile cura che arrivi dalla scienza...

Anna G. ha detto...

Condivido pienamente, ma non dobbiamo dimenticare che le terapie farmacologiche da sole non bastano a guarire dai disturbi psichici. Un percorso terapeutico è comunque fondamentale, sia per garantire l'efficacia dei farmaci nel lungo termine, che per prevenire il rischio di ricadute.


Questo blog è conforme alle disposizioni del Codice di Condotta relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività Professionale degli Psicologi