Blog a cura della Dr.ssa ANNA GULLA' & Collaboratori

giovedì 28 febbraio 2013

Hikikomori



Hikikomori letteralmente “stare in disparte, isolarsi” è un termine giapponese che si riferisce a coloro che hanno scelto di ritirarsi dalla vita sociale, spesso cercando livelli estremi di isolamento.  Il termine si riferisce sia al fenomeno sociale in generale che a coloro che appartengono a questo gruppo sociale.

Le caratteristiche dell'hikikomori sono:

  • ritiro sociale da almeno sei mesi: rifiuto delle amicizie, delle attività ludiche (sport e socialità in genere), incapacità di relazionarsi in maniera spontanea, allontanamento dalla vita reale e conseguente fuga nel virtuale.
  • Fobia scolare precedente e ritiro scolastico;
  • ritiro dalle attività lavorative;
  • possibile presenza di sintomi legati all’Internet Addiction Disorder;
  • possibile inversione dei ritmi circadiani.
  • Negli adolescenti affetti dal questa psicopatologia la capacità di apprendimento non risulta significativamente alterata: mediamente sono in grado di giungere a profitti scolastici sufficienti.
Sintomi comparabili al ritiro sociale esibito dagli individui che soffrono di disturbi pervasivi dello sviluppo, un gruppo di disturbi che includono la sindrome di Asperger e l'autismo.

Nonostante il soggetto non parta da una condizione di svantaggio delle capacitá cognitive e l’auto-reclusione non sia considerata di per sé una malattia, l’isolamento autoindotto prolungato provoca diverse sequele psichiche quali antropofobia (cioè la paura degli altri studenti, delle persone anziane o di non poter prendere l’autobus o il treno etc.), paranoia,disturbi ossessivo-compulsivi, depressione, agorafobia (la paura degli spazi aperti), apatia e comportamento regressivo.
Se non curato il disturbo comporta la perdita di anni scolastici, del lavoro o della possibilitá di costruire una vita autonoma dalla famiglia.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara dottoressa, riguardo questo tema le consiglio di vedere un anime giapponese intitolato WELCOME TO NHK che tratta in maniera approfondita e ironica la situazione dei Hikikomori, dato che l'autore dell'anime è stato per un lungo periodo di tempo un Hikikomori a Tokio. Saluti .

A. G. ha detto...

Grazie del consiglio. Cercherò di vederlo presto.
Saluti


Questo blog è conforme alle disposizioni del Codice di Condotta relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività Professionale degli Psicologi