Blog a cura della Dr.ssa ANNA GULLA' & Collaboratori

venerdì 9 settembre 2016

GUIDA UTILE PER TUTTI COLORO CHE HANNO A CHE FARE CON DEGLI IDIOTI

Totò diceva: “Dove l’ignoranza urla, l’intelligenza tace”, ma…….. c’è un problema: il mondo è pieno di idioti che si ritengono intelligenti! E allora … quelli intelligenti per davvero….. cosa devono fare quando hanno la sfortuna di incontrarne uno? Tacere è davvero l'alternativa migliore per vivere bene?

Studi ed esperienza personale, mi hanno fatto approntare questo vademecum che spero possa essere un’utile guida per tutti coloro che hanno a che fare con degli idioti.

L’idiozia è una patologia. Sintomi: chiusura mentale, falsità, opportunismo, cattiva educazione, e INVIDIA! Quando la malattia degenera il soggetto parla a vanvera. Gli idioti sono vampiri che attingono alla vostra forza vitale per riempire i loro vuoti, invadono i vostri spazi, e in modo più o meno consapevole e intenzionale (dipende dall'idiota in questione) vi danneggiano. Nei casi più gravi, stupidamente convinti che FARE come voi, li aiuterà ad ESSERE come voi, confezionano copia/incolla delle vostre vite, togliendovi inutilmente il respiro, perchè..... i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani.

Punto primo: Di fronte a persone così, tacere è altamente sconsigliato, se non addirittura impossibile. DOVETE LIBERARVENE! Possibilmente con le buone (l’educazione prima di tutto). Anche ignorarli, se siete fortunati, potrebbe funzionare. Ma visto che probabilmente non capiranno, non escludo che, vostro malgrado, sarete costretti ad usare le cattive maniere per salvaguardare il vostro benessere.
Con gli idioti un po’ meno idioti, una buona idea potrebbe essere regalargli una prolunga nella speranza la utilizzino per arrivarci meglio.

Punto secondo: Tenete ben presente che “Idiota” significa “dotato di una sconcertante stupidità”, dote che porta queste persone a deformare talmente tanto la realtà, da non rendersi conto di come stanno davvero le cose. Quando gliele farete notare, avendo loro fatto della falsità uno stile di vita, recepiranno la vostra sincerità come un’offesa e negheranno l’evidenza.

Punto terzo: Pur andando contro i miei interessi, sono arrivata alla triste conclusione che è inutile consigliare ad un idiota di rivolgersi ad un terapeuta. Manca di TUTTI i requisiti necessari per intraprendere con successo un percorso psicologico. Il professionista che decide per la presa in carico, o è un ciarlatano, o sta effettuando un accanimento terapeutico.

Quarto e ultimo punto: Chi li conosce li evita, o quando non può farne a meno, li tiene a debita distanza, ma! preparatevi psicologicamente al fatto che, anche quando riuscirete a liberarvene “fisicamente”, loro….. continueranno. a. parlare. di. voi! Non avendo una vita propria, HANNO BISOGNO di parlare di voi. Con estranei, che avendo solo la visione idiota dei fatti, li faranno sentire un po’ meno idioti. E con amici e parenti in comune. Forse nella speranza che vengano a riportarvelo, o forse perchè sperano che non verrete mai a saperlo. In entrambi i casi: non infastiditevi, perchè qui arriva la parte, a mio modesto avviso, più divertente. Chi è intelligente per davvero, sa che amici e parenti sanno che chi sta parlando … a vanvera … è un vero idiota.  E sanno anche chi siete voi e quanto valete. Quale migliore occasione, allora, per ridere tutti insieme, lontani da fastidiose presenze, e magari davanti ad un’ottima birra fresca, di chi si copre solo di ridicolo? Forse pensano che così facendo staranno caldi durante l’inverno, e voi… lasciateglielo credere. Non è bello, ed è anche inutile, cercare di distruggere le convinzioni di un idiota. 

3 commenti:

SONIA ha detto...

GRANDEEEEE DOTT!!!

Marco ha detto...

Condivido cara dr.ssa. Anch'io ho qualche idiota che mi gira intorno ed e' indescrivibile il fastidio che mi da' la loro presenza.

Michi ha detto...

Articolo divertente, ironico e ... vero!


Questo blog è conforme alle disposizioni del Codice di Condotta relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività Professionale degli Psicologi